Nouvelle Scenique

Brevidistanze — Andrea e Marco Mangione

Nouvelle Scenique sintetizza l’idea di un racconto visivo, un insieme di elementi che mette in scena un percorso di narrazione, in un habitat di accoglienza dove si incontrano disegno, pittura e progettazione, per coniugare aspetti contemplativi e percezioni virtuali.

L’installazione nasce all’interno di Realismo informale, un progetto curato da Antonio Sarnari e promosso dalla galleria Quam di Scicli, si compone di due stampe digitali di grande formato (l’elaborazione di forme vettoriali e ingrandimenti di piccole porzioni di disegno) – una tela dipinta (Wave, 2015) – un piccolo disegno su carta (Parcheggio, 2015) – una cornice poggiata – il disegno di un primo piano in apparenza. (Frame VSV / Grid, 2015).

Nouvelle Scenique summarizes the idea of a visual narrative, a set of elements that stages a narrative path, a habitat where drawing, painting and design come together, to combine contemplative aspects and virtual perceptions.

The installation is born within the project Realismo informale, curated by Antonio Sarnari and promoted by Quam gallery in Scicli, it is composed by two digital prints in large size (the processing of vectorial shapes and the enlargement of a drawing’s details) – a painted canvas (Wave, 2015) – a little graphite on paper (Parcheggio, 2015) – a leaning frame – a charcoal of a close-up in a state of appearance (Frame VSV / Grid, 2015).


Nouvelle Scenique, 2015 , graphite on paper, ink-jet print on cotton paper, acrylic on canvas, charcoal on paper, digital print on blue back paper, acrylic on wood, 228 x 380 cm, Quam, Scicli (RG)